Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted by on Apr 18, 2014 in Tè del pomeriggio | 0 comments

Hot cross buns per Pasqua

Buona Pasqua a tutti! Oggi vado in Gran Bretagna per le vacanze. Andiamo in Scozia per visitare la famiglia del mio marito e la prossima settimana andiamo a Londra per visitare la mia famiglia.

Non vedo l’ora di passare Pasqua in Gran Bretagna. Spero che faccia sole, come recentemente, ma il tempo britannico è molto difficile di prevedere! Pasqua è in ritardo quest’anno, e non vediamo la famiglia da tanto tempo.

Non vedo l’ora anche di mangiare alcune hot cross buns. Questi dolci, riempiti con spezie e frutti, vengono venduti ovunque in Gran Bretagna in questo periodo. Sono fatti con un impasto arricchito e sono un po’ decadente, quindi li mangiamo solo una volta l’anno.

La storia degli hot cross buns ha un aspetto un po’ religioso e mistico. Per quanto riguarda la croce sui buns, tanti esperti credono che venga da una pratica romana o egiziana di offrire il pane ai loro dei. C’è anche una vecchia superstizione che se un hot cross bun fosse fatto a Venerdì Santo non ammuffirebbe.

Questi buns sono così amati dalla nostra nazione da centinaia di anni che c’è anche una filastrocca famosa su di loro:

Hot Cross Buns, Hot Cross Buns

1 a penny, 2 a penny

Hot Cross Buns

If you have no daughters,

Give them to your sons,

1 a penny, 2 a penny

Hot Cross Buns

Che cosa c’è di così speciale di questi hot cross buns? Beh, quando è cotto l’impasto arricchito diventa un pane meravigliosamente leggero, morbido, dolce e appiccicoso, riempito di frutti deliziosi, mentre le spezie prevengono che diventassero troppo dolci. Sono meravigliosi con una tazza di tè o anche per la prima colazione con un cappuccino.

Bramo gli hot cross buns da marzo. Invece di aspettare fino a Pasqua ho deciso di farne da sola. Sono facili da fare e riempiono la casa con un odore favoloso durante la cottura.

Hot cross buns

Ingredienti

Per i buns:

  • 300ml di latte
  • 1 bustina di lievito secco
  • 500gr di farina bianca (tipo 00)
  • 80gr di zucchero
  • 50 g di burro
  • 1 uovo, battuto
  • Un pizzico di sale
  • 200gr di uva sultanina
  • 2 mele
  • Scorza di 2 limoni
  • 2 cucchiaini di cannella in polvere

Per la decorazione:

  • 100gr di farina
  • Marmellata di albicocche

Metodo di preparazione

  • Scaldate il latte fino a raggiungere la temperatura a mano, aggiungete un cucchiaino di zucchero e il lievito. Dovresti vedere piccole bolle.
  • Mescolate il resto dello zucchero con la farina, l’uovo, il burro e il sale in una terrina, poi aggiungete il latte lentamente fino ad ottenere un impasto appiccicoso e morbido.
  • Tritate le mele in piccoli pezzi e poi aggiungete alla terrina insieme all’uvetta, scorza di limone e la cannella.
  • Mettete l’impasto su una tavola leggermente infarinata e impastatelo. Questo impasto arricchito è molto appiccicoso, ma non dovete aggiungere più farina perché renderà il bun denso.
  • Continuate ad impastare fino a quando l’impasto diventa elastico. Per questo ci mette almeno 5 minuti, forse di più.
  • Mettete l’impasto in una terrina che è leggermente unta e copritelo con uno strofinaccio umido e lasciatelo in un posto caldo fino a quando raddoppia (circa un’ora, secondo la temperatura). In alternativa potete lasciare l’impasto tutta la notte in frigo per lievitare.
  • Dividete l’impasto in 24 pezzi. Prendete un pezzo e piega delicatamente su se stesso alcune volte per formare un panino piccolo. Dovreste catturare l’aria nelle pieghe per fare il panino leggero. Mettete il panino sulla teglia foderata con carta da forno e ripetete con gli altri pezzi.
  • Coprite la teglia con uno strofinaccio umido e mettete in un luogo caldo a lievitare per un’altra ora.
  • Riscaldate il forno a 220C.
  • Mescolate la farina rimasta con un po’ d’acqua in una terrina fino a formare una pasta densa. Mettete la pasta in una sac a poche e fate le croci sopra i panini.
  • Cuocete in forno per 20 minuti, o fino a doratura.
  • Togliete dal forno e spennellate la marmellata di albicocche sopra la parte superiore mentre sono ancora calde.

Vi consiglio di consumarli subito. Altrimenti, i frutti li terranno morbidi per un paio di giorni. Se si asciugano un po’, non preoccupatevi, potete tagliarli a metà, tostarli e servirli con burro come una merenda ancora più decadente.

Read More